Cosenza
 

A Corigliano Rossano un flash mob contro la violenza di genere

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Corigliano-Rossano aderisce con un flash mob che, lunedì 25 novembre, vedrà protagonisti gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado insieme a quanti vorranno unirsi e partecipare all'evento. L'iniziativa si svolgerà nei due centri storici della Città d'arte. Per un'ora, simbolicamente, i giovani performer resteranno fermi per interpretare così, metaforicamente, il dolore che ogni donna vittima di violenza è costretta a subire e spesso a portarsi dentro.

A darne notizia è l'assessore alla Città della Cultura e della Solidarietà Donatella Novellis sottolineando come sia stato messo in piedi, insieme alla rete delle associazioni cittadine e territoriali, un bellissimo percorso di collaborazione. A loro, anche a nome del Sindaco Flavio Stasi, l'assessore ribadisce il ringraziamento dell'Amministrazione Comunale per "l'impegno e la responsabilità che confermano rispetto a temi, valori e progetti di civiltà, legalità, coesione sociale e sviluppo".

L'appuntamento, duplice, è fissato per le 9.30 in Via Roma, nel Centro Storico dell'area di Corigliano e, alla stessa ora, a Piazza Santa Anargiri, nel Centro Storico di Rossano. Gli studenti e quanti vorranno unirsi alla dimostrazione, sono invitati ad indossare degli indumenti di colore nero, in segno di lutto e a portare con se delle scarpe di colore rosso.

Subito dopo si terrà un momento di confronto nell'Aula Magna del Liceo Classico Colosimo e in quella della Leonardo Da Vinci. In entrambi gli istituti gli studenti si esibiranno in perfomance sul tema.

"L'obiettivo che ci siamo dati con le associazioni aderenti – continua – è quello di stimolare riflessione, dibattito e risposte sulla questione purtroppo aperta della violenza contro le donne, sensibilizzando anzi tutto i più giovani. L'iniziativa di lunedì 25 – spiega l'assessore – rappresenta non solo simbolicamente l'ulteriore tappa di un virtuoso percorso di collaborazione e di iniziative avviate nelle scuole dall'Amministrazione Comunale con il Centro Antiviolenza Fabiana Luzzi, l'associazione Mondiversi, l'associazione Maniinalto e con l'associazione Mondididonna. La finalità del progetto complessivo resta – conclude la Novellis – quella di promuovere un percorso culturale di prevenzione e di contrasto del fenomeno della violenza sulle donne e sulle bambine e bambini".

Articolata per step, l'iniziativa denominata Corigliano-Rossano Città della non violenza ha già visto studentesse e studenti, divisi per classi, protagonisti di diversi incontri con le operatrici del centro Antiviolenza Fabiana e con l'Amministrazione Comunale presso il Centro Antiviolenza di Corigliano Scalo e presso il Laboratorio delle donne di Corigliano Centro Storico. Gli appuntamenti si sono svolti secondo la logica del confronto e sono stati preceduti da momenti di approfondimento sviluppati dalle ragazze e dai ragazzi insieme alla classe docente.